Forum2014

Questo Forum ambisce a connettere tutti coloro che si interessano delle seguenti tematiche: Politica, Economia, Finanza, Società, Religione e Radiocomunicazioni.
Capitolo Radiocomunicazioni: piattaforme VOIP: TEAMSPEAK3 - FRN - EQSO - ZELLO - CB - PMR - LPD -SRD - PONTI RIPETITORI - GATEWAY - PARROT - RADIO SURPLUS
Forum2014

(Radiantismo & Attualita')

Visitors mini


Ultimi argomenti

» Museo della Radio <Surplus Militare>
Ieri alle 11:53 am Da IK7TAB

» TEAM RADIO DISPERSI
Gio Mag 25, 2017 1:20 pm Da IK7TAB

» Quanto paghiamo per la Chiesa
Gio Mag 25, 2017 10:38 am Da PU7MKI

» La vera storia delle radio Walkie Talkie
Mer Mag 24, 2017 12:39 pm Da IK7TAB

» Ridimensionare la spesa pubblica con criterio permanente
Dom Mag 21, 2017 4:29 pm Da IK7TAB

» Forum permanente relativo al Blog : Radiantismo su Facebook
Mer Mag 10, 2017 4:20 pm Da IK7TAB

» I Paesi con economia funzionante adottano tutti la moneta sovrana!
Lun Mag 08, 2017 11:46 am Da IK7TAB

» Radioamatori che hanno fatto la storia!
Dom Mag 07, 2017 2:32 pm Da IK7TAB

» Il Piano #Kalergi
Mar Mag 02, 2017 11:36 am Da PU7MKI

dx mouse disabilitato


tasto risalita


Quotazione ORO


Your IP

Radioamatore Medico

DMR 2229192


Room Italy 27003


F.A.R. Group



  • Creare un nuovo argomento
  • Rispondere all'argomento

Il condominio Ue punta le nostre case!

Condividere
avatar
PU7MKI
Admin

Messaggi : 208
Data d'iscrizione : 23.03.14
Località : Brasile

Il condominio Ue punta le nostre case!

Messaggio Da PU7MKI il Gio Apr 30, 2015 3:31 pm


Gli Italiani dovrebbero iniziare a prendere in considerazione questa amara possibilita’, peraltro contemplata in Costituzione.

Espropriazione per pubblico interesse:
Nonostante la nostra Costituzione riconosca e garantisca il diritto di proprietà come un diritto fondamentale della persona, in particolari casi, una pubblica amministrazione, può acquisire la proprietà di un bene indipendentemente dalla volontà del suo proprietario. Il procedimento attraverso il quale questo può avvenire è disciplinato dalla legge e si chiama espropriazione per pubblica utilità. Questa è ammessa solo a condizione che ciò avvenga per motivi di interesse generale e che colui che subisce l’esproprio venga indennizzato.
Art. 43 della Costituzione: espropriazione della proprietà per interesse generale.
Art. 43 della Costituzione Italiana:
Ai fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale.
(Già art. 40 del progetto, discusso e approvato nella seduta del 13 maggio).
In “la Costituzione della Repubblica italiana illustrata con i lavori preparatori” (a cura di V. Falzone – F. Palermo – F. Cosentino), Oscar Mondadori, 1976, ed. fuori commercio, alla pagina 144 e segg. vengono riportate le osservazioni e conclusioni dei lavori preparatori, sull’argomento oggetto dell’articolo.
Riportiamo il testo originale:
“”La sostituzione delle parole: “Per coordinare le attività economiche” che figuravano nel progetto, con le altre “Ai fini di utilità generale” si deve a una proposta dell’on. Taviani; il relatore Ghidini non accettò l’emendamento perché “l’articolo pone già la condizione dell’interesse generale”, sicché ritenne superflua la variante; ma l’on. Taviani insistette perché, se l’osservazione del relatore poteva essere “comprensibile dal punto di vista formale, non lo era invece dal punto di vista sostanziale, perché il preminente interesse generale cui si riferisce la proposizione finale dell’articolo riguarda le imprese che si riferiscono a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio e non riguarda lo scopo dell’intervento dello Stato per la socializzazione” (A.C., pag. 3960). L’emendamento Taviani, posto in votazione, fu approvato dall’Assemblea.
Nel progetto, inoltre, era detto: ”riserva originariamente o trasferisce”; l’on. Bosco Lucarelli, proponendo la modifica “può riservare originariamente o trasferire”, osservò che l’affermazione non deve avere un carattere “così rigido da esprimersi in un senso assolutamente obbligatorio”, soprattutto perché in momenti di grave crisi economica come l’attuale “molte imprese, che versano in stato fallimentare, dovrebbero bussare alla porta dello Stato per vedersi asservite, e riverserebbero le loro passività sullo Stato medesimo” (A.C., pag. 3958). Proposte analoghe furono anche presentate da altri, e a tutti l’on. Ghidini, per la Commissione, rispose che l’articolo “fa riferimento alla legge e giusto nell’interesse superiore della Nazione” (A.C., pag. 3959). Ma l’emendamento, malgrado queste precisazioni del relatore, posto in votazione, fu approvato.
L’on. Corbino chiese la soppressione delle parole “o a comunità di lavoratori o di utenti”, perché “espropriare dei privati per dare ad altri privati non dovrebbe corrispondere allo spirito della disposizione contenuta nell’articolo” (A.C., pag. 3959). Il relatore Ghidini obiettò ce “si tratta di comunità, di associazioni cioè; in sostanza di qualcosa che non è ancora un ente pubblico e ha caratteri che lo possono anche rendere perlomeno simile agli enti pubblici. Certo è che gli interessi di una comunità sono interessi diversi di quelli di una singola persona privata” (A.C., pag. 3960). L’emendamento, posto in votazione, non fu approvato.
Vi fu anche una proposta dell’on. Colitto di sostituire alle parole “carattere di preminente interesse generale” le altre “non confacenti all’interesse nazionale”, ma la modifica incontro l’opposizione del relatore, il quale non l’accettò: 1°) perché l’interesse superiore della collettività può consigliare la socializzazione indipendentemente da qualsiasi altra considerazione particolare; 2°) per una ragione di carattere pratico, che cioè l’accertamento che una determinata impresa non sia confacente all’interesse generale richiede una indagine sempre difficile, talora impossibile (A.C., pag. 3959).
Lo stesso on. Colitto propose che gli indennizzi fossero stabiliti con legge, ma non vi insistette dopo che l’on. Ghidini osservò che “la legge dovrà stabilire soltanto i criteri in base ai quali si debba procedere alla determinazione degli indennizzi. Lo stabilire gli indennizzi sarà piuttosto compito o dell’autorità giudiziaria o dell’autorità amministrativa, volta per volta”.

fonte: http://www.italiaperta.info/ar...
‪#‎Sapevatelo‬
‪#‎lavoltabuona‬
‪#‎passodopopasso‬
#promessamantenuta

{NdR}
L’Ue e’ ormai prossima a giustificare l’esproprio delle case degli Italiani, dopo averli impoveriti e vessati per decenni.

Debito pubblico insanabile, tasse, imposte e ogni altra misura vessatoria e persecutoria, hanno prodotto l’effetto desiderato dalla regia massonica sionista dei Banchieri americani.
L’Ue, da loro stessi ideata, sta facendo un buon lavoro.
Le nazioni in eurozona hanno ceduto la sovranita’ monetaria e politica per avere in cambio questa situazione di non ritorno. Gli italiani si sentano “responsabili” per aver votato e mandato al governo personaggi senza scrupoli, che per un ritorno personale, per un delirio di onnipotenza, per una vana gloria, hanno svenduto la propria nazione e spenta qualsiasi velleita’ per un futuro dignitoso.
Maledetti siano da Dio questi loschi personaggi promotori del disastro economico, finanziario e morale nel quale ci hanno precipitati.
Unica possibile soluzione, sarebbe uscire dalla trappola euro e riprenderci la sovranita’ monetaria. Il debito pubblico? si trovera’ una soluzione, che non sia l’esproprio immobiliare, come vuole l’Ue

fonte: http://fabriziobratta.altervista.org/il-condominio-ue-punta-le-nostre-case/?doing_wp_cron=1430418307.0382220745086669921875
  • Creare un nuovo argomento
  • Rispondere all'argomento

La data/ora di oggi è Lun Mag 29, 2017 2:43 am